SECONDARIA I GRADO

 

28 Gennaio 2020: Fase d'istituto di Volley

Prosegue con grande fermento l'attività sportiva d'istituto volta allo sviluppo di competenze personali e motivazionali intese come modo di saper essere e di saper vivere, in una dimensione vivace e ricca dal punto di vista umano.

Nella foto le ragazze e i ragazzi che hanno partecipato in un clima di gioia, comprensione e correttezza con la dirigente scolastica Prof.ssa Ines Mussi e la Prof.ssa di Scienze Motorie e Sportive Francesca Tonelli:

Del Sarto Beatrice, Romagnoli Silvia (1B); Leka Jessica (1E); Gallo Lorenzo (1F); Bosi Filippo (2B); Bruni Viola, Peschi Aurora (3A); Mazzei Asia, Mosti Nicola, Seni Giulia (3B); Massa Michele (3D); Casotti Matteo, De Lucia Raffaele, Frandi Giorgio, Pintus Nicole (3E); Bresciani Laura, Palla Ilaria, Sciortino Rebecca (3F).

volley1volley2

 

 

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Imparare Inglese con un metodo "silenzioso"

silent way1

Quest'anno grande novità all'Istituto Comprensivo Staffetti-Massa2: s'impara l'Inglese con il Silent Way!

Gli alunni si sono approcciati a questa particolare modalità con grande curiosità. Il Professor Luigi Magnano è intervenuto presso il nostro Istituto portando un'ondata di novità: un metodo alternativo messo a punto da Caleb Gattegno, famoso per la creazione dei regoli colorati. Il Silent Way è un metodo inizialmente elaborato per l'apprendimento della matematica, ma poi utilizzato anche per la lingua straniera.

Gli strumenti necessari sono solo due: i regoli e un mazzo di carte. Ogni regolo rappresenta un breve enunciato, combinandoli insieme si formano frasi di senso compiuto. Il mazzo di carte serve invece ad insegnare agli studenti i vocaboli della L2.silent way4

L’insegnante rimane praticamente in silenzio (da qui il nome) evitando di spiegare ogni cosa agli studenti. V'è infatti un approccio all’apprendimento fondato sulla risoluzione dei problemi, in cui lo studio da parte degli alunni diventa autonomo e cooperativo. Essi sono portati a scegliere le frasi appropriate e sapere come controllarle, con una buona intonazione e il giusto ritmo. 

L’insegnante non ripete le frasi che lo studente deve imitare, né viene utilizzata la lingua madre degli studenti: usa guide colorate per la pronuncia che lo supportano, nell'indirizzare la comprensione dei ragazzi parlando il meno possibile e ha prevalentemente il compito di fornire modelli puntando sull'interazione del gruppo classe.

silent way3

 silent way2

 

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Fase d'Istituto corsa campestre 2019/2020

  21 Gennaio 2020  Alunni che hanno partecipato con le docenti Barone e Tonelli:

corsa campestre1

 

CATEGORIA RAGAZZE       CATEGORIA RAGAZZI    
- GALEOTTI ANITA 1B   - CAFARO DIEGO  1E
- MORMINA CORINNA 1B   - ISOLANI LEONARDO 1E
- LEKA JESSICA 1E   - SITA' CRISTIAN 1E
- FIALDINI SOPHIA 1E   - VILARDI FRANCESCO 1F
- RAMACCIOTTI GINEVRA 1E   - COLTELLI LORENZO 1G
- RICCI ANNA 1E   - VINCIULO ALESSANDRO 1G
- NANNI ERIN 1F   - POLI FLAVIO 2B
        - CIAVARELLA IACOPO 2E
             
 CATEGORIA CADETTE       CATEGORIA CADETTI    
- CARDILLO FRANCESCA 2E   - RUIZ EDOARDO 2A
- GIANNETTI SARA 2E   - MELONI ALESSANDRO 2B
- MOSTI  CHIARA 2E   - PANNELLA ANTONIO 2B
- MOSSONI CHIARA 2F   - BERTUCCELLI FILIPPO 2E
- ROIDI SOFIA 2F   - GALLI DANIELE 2E
- ARRIGHI  GIULIA 3A   - ROMANELLI MATTIA 2E
- BAROTTI GAIA 3A   - NANI  MATTEO 3A
- BRESCIANI LAURA 3F   - MOSTI NICOLA 3B
- SCIORTINO REBECCA 3F   - NICOLI LORENZO 3B
        - PIRAS LORENZO 3B
        - TORRE STEFANO 3B
        - ALBERTI LORENZO 3E
        - DE LUCIA RAFFAELE 3E
        - FRANDI GIORGIO 3E
        - BERTELLONI ANDREA 3F
        - DARZEZA ALESIO 3F
        - PELLICCIA MATTEO 3F
             

 ________________________________________ ___________________________________________________________________________________________________________________________________

Auguri di Natale all'Ospedale Pediatrico Apuano  

opa3

Nel pomeriggio di martedi 17 Dicembre 2019, alcuni alunni della scuola media Staffetti si sono recati presso l'OPA per portare un saluto ai piccoli degenti dell'ospedale.

Nella sala adibita a luogo di incontro e gioco, la delegazione di alunni delle varie sezioni, hanno incontrato giovani mamme con i loro piccoli provenienti da varie province italiane, ma anche dalla  Russia, dall'Albania, dal Senegal.

L'incontro era stato promosso dall'insegnante Marta Rosi (referente del gruppo scuola ospedaliera)  che aveva coinvolto le docenti di Musica prof.sse Galleni e Ferri.

Gli alunni, alla presenza della Dirigente prof.ssa Ines Mussi, hanno eseguito brani della tradizione natalizia da “Jingle Bells” a “Tu scendi alle stelle” fino a presentare una originale esecuzione ritmica sul celebre brano della “Marcia di Radezky”.opa5

Gli alunni avevano anche portato un piccolo regalo in ricordo dell'incontro ed hanno fatto gli  auguri al piccolo Jacopo che compiva due anni, che emozionato e sorpreso, tentava di soffiare sulle candeline e batteva le sue manine ai ragazzi che suonavano.opa4

Per i nostri alunni è stata un'occasione per prendere contatto con una realtà ospedaliera di cui avevano solo sentito parlare. 

Molti gli occhi lucidi di commozione quando si sono separati dai piccoli, con la promessa di trovare una futura occasione di incontro.

 

 opa2opa1

     

 

 

 

 

 

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Nuovo anno nuova vita all’arte!

Potrebbe più o meno suonare così lo slogan col quale salutare un nuovo anno di creatività alla Staffetti. Forti dei preziosi riconoscimenti ricevuti in varie occasioni durante lo scorso anno scolastico, le docenti di arte e immagine Stefania Sola e Monica Ferrari hanno riunito una quarantina di studenti delle classi terze giovedì 5 Dicembre nell’Aula Inclusione.

Ospite di riguardo Paolo Ramagini, presidente dell’I.S.A.: Italian Spirit of Art, l’associazione che lo scorso anno ha premiato il disegno di Laura Trimboli con un assegno di ben 1.000,00 euro donato alla scuola per l’arte nel concorso “IO CREO”.

Nella mattinata gli studenti hanno affrontato la selezione d’istituto di questo importante concorso provinciale, dedicandosi ai disegni per la cui realizzazione ogni ragazzo aveva libero accesso alla propria fantasia creativa.iocreo1

Ha superato i compagni d’istituto Gabriele Passaro, della classe 3A, che il prossimo 21 marzo rappresenterà la Staffetti alle finali che si svolgeranno presso il Castello Malaspina.

E allora….lunga vita all’arte e congratulazioni al giovane artista!

 

iocreo2iocreo3

 

____________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

ERAT OLIM...C’ERA UNA VOLTA A MASSA

erat olim1

Il giorno 18 novembre, gli alunni delle classi prima e seconda B del plesso Staffetti si sono recati nel centro storico di Massa accompagnati dallo Scrittore Riccardo Nicolai alla scoperta dei luoghi e delle storie narrate nel suo ultimo libro “Erat Olim. Affreschi di Massa d’antan”.

Riccardo Nicolai racconta tre storie che prendono spunto da tre parole che fanno parte del suo bagaglio di ricordi: taref, calocchia, miò.

La prima storia narra le avventure, le usanze e le tradizioni di una famiglia di ebrei vissuta a Massa nel 1500.

Gli alunni hanno ripercorso le strade e le piazze che nel 1500 erano popolate da una fiorente comunità ebraica, hanno scoperto dov’era il forno che preparava il pane azzimo, dove i commercianti vendevano le loro stoffe pregiate, dove sorgeva la sinagoga.

Durante la passeggiata, Riccardo ha spiegato ai ragazzi che in quegli anni Massa era una vivace cittadina dove convivevano serenamente culture e religioni diverse in un clima di rispetto reciproco.

Ma dal libro Erat olim è nata anche la voglia di approfondire e riscoprire un antico mestiere della nostra città: la lizzatura.

Il mondo ormai scomparso della lizzatura è infatti il protagonista della seconda storia narrata , quella che prende spunto dalla parola “miù”, urlata dai lizzatori nel momento in cui dovevano mollare le corde per far scivolare il blocco di marmo sui tronchi di legno.

Gli alunni, incuriositi dai suoni , dal linguaggio, dalle emozioni raccontate nella seconda storia del libro, hanno condotto delle ricerche su questo argomento, hanno realizzato un cartellone e un modellino che riproduce la lizzattura.

Ma il lavoro degli alunni non finirà qui, è infatti prevista una visita al paese di Resceto per vedere da vivo una “via di lizza” e per intervistare chi quel mestiere l’ha fatto per anni.

Le professoresse G. Benedetti, F. Tonelli, B. Bertolucci, D. Polini ringraziano Riccardo Nicolai che attraverso la sua ultima fatica letteraria ha avvicinato le nuove generazioni alle tradizioni, al dialetto, alla storia del loro territorio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.